Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
geronimo it il-bar-pizzeria-la-zucca-di-miramare-tra-le-botteghe-storiche-A17770 002 Max 19° Giovedì 22 Ottobre 2020
geronimo it il-bar-pizzeria-la-zucca-di-miramare-tra-le-botteghe-storiche-A17770 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 12:04 | 30/09/2020 - Rimini

Il bar-pizzeria "La Zucca" di Miramare tra le Botteghe Storiche

Tutto, dalla macchina del caffè al bancone del bar, dall’insegna sulla strada ai tavoli e le sedie, dalle stampe ai manifesti pubblicitari alle pareti, ci riporta agli anni settanta. Non c’è stato molto da esaminare per i tecnici comunali che, non appena entrati al bar La Zucca di viale Marconi 37, a Miramare, si sono resi conti di essere in uno di quei locali in cui è possibile ricostruire la storia del turismo riminese. A partire dalla ringhiera che ricorda la villetta dalla quale, nel ’70, è stato costruito uno dei primi bar pizzerie stagionali di Miramare che, oggi come allora, rimane aperto solo per la “bella stagione”, da aprile a fine settembre.

Il Bar La Zucca si aggiunge dunque alle 37 attività già iscritte all'Albo e che potranno usufruire delle agevolazioni previste dalla no-tax area, il pacchetto di misure messe in campo dal Comune di Rimini a sostegno del settore commerciale e produttivo. Oltre a rappresentare un prestigioso riconoscimento, la registrazione nell'Albo delle Botteghe storiche consentirà alle attività di ottenere un contributo calcolato sulla base della TARI. Un’importante agevolazione economica a cui si aggiunge anche la soppressione del diritto di segreteria previsto per l'iscrizione, che ammontava a 150,00 €, disposizione, approvata da una delibera di Giunta lo scorso aprile, che riconduce l'iscrizione nell'Albo delle Botteghe Storiche, all'unico costo dell'imposta di bollo nella misura di 16,00 €.

“Un altro pezzo di storia del turismo riminese – commenta Jamil Sadegholvaad, assessore alle attività economiche del Comune di Riminiche testimonia il pionierismo imprenditoriale di chi, negli anni settanta, ha saputo prevedere e costruire con le sue mani un pezzo di storia economica e sociale del nostro turismo. Prosegue dunque l’attenzione dell’Amministrazione comunale a quelle attività che contribuiscono da anni allo sviluppo e all’occupazione del nostro territorio, con un riconoscimento che, come oramai noto, non è solo simbolico ma anche di rilevanza pratica, con un pacchetto di facilitazioni e sostegni alla propria attività”.