Per info e segnalazioni:
geronimo it consegnati-agli-studenti-di-terza-media-di-verucchio-due-alberi-di-falcone-da-piantare-a-scuola-A35401 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 11:31 | 25/11/2022 - Valmarecchia

Consegnati agli studenti di Terza Media di Verucchio due Alberi di Falcone da piantare a scuola

Un doppio “Albero di Falcone” consegnato simbolicamente agli alunni di Terza Media perché possa crescere nelle scuole del capoluogo e di Villa Verucchio in una cerimonia corredata da un confronto dei giovani alunni sui temi della legalità e del rispetto dell’ambiente con le istituzioni e i rappresentanti dei Carabinieri Forestali.

Mercoledì 24 novembre, la dirigente scolastica Venusia Vita, la sindaca Stefania Sabba e i rappresentanti del corpo dell’Arma di Novafeltria e Santarcangelo hanno incontrato i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Ponte sul Marecchia in un doppio momento altamente simbolico.

Nel 2022 ricorre infatti il trentennale della tragica strage di Capaci in cui vennero uccisi il magistrato Giovanni Falcone, la moglie e tre uomini della scorta (oltre a quello della strage di Via D'Amelio nella quale vennero uccisi il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta e al quarantennale dell'omicidio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Lo ha ricordato la stessa dirigente spiegando che “l’Istituto Comprensivo aderisce alla Giornata dell’Albero del 21 novembre celebrata prima con le scuole per l’Infanzia e in questa occasione con quelli della Secondaria ampliando la riflessione al tema della legalità con la posa dei due Alberi di Falcone nei rispettivi plessi”

“Riteniamo fondamentale affrontare con voi i temi della legalità, del rispetto dell'ambiente, dei buoni comportamenti che permettono la costruzione di una comunità solida e solidale. Sarete voi gli adulti un domani ma anche ora, come giovani cittadini, potete  fare la vostra importante parte domani ma fate già parte della comunità ed è importante che ciascuno di voi faccia la propria parte” ha fatto eco la sindaca Stefania Sabba, mentre i carabinieri forestali hanno illustrato la propria attività dialogando con i giovani sui temi della sostenibilità e in chiusura è stato spiegato loro il significato della pianta che veniva consegnata: “Era nel giardino del magistrato nel 1992 quando fu ucciso a Capaci e i cittadini vi appesero tantissimo biglietti di protesta: dalle sue gemme ripiantate nascono questi alberelli sempreverdi originari dell’Australia che andiamo a piantare qui a scuola come segno di speranza”.

La consegna dell'Albero di Falcone è stata possibile grazie alla fattiva collaborazione della maestra Lucia Cerbara.