Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
geronimo it scippa-il-cellulare-ad-un-anziano-senegalese-irruento-in-manette-A15070 002 Max 26° Sabato 04 Luglio 2020
geronimo it scippa-il-cellulare-ad-un-anziano-senegalese-irruento-in-manette-A15070 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 13:34 | 29/06/2020 - Rimini

Scippa il cellulare ad un anziano, senegalese irruento in manette

Nelle prime ore della mattina di ieri, due equipaggi della Squadra Volanti della Questura di Rimini sono intervenute in Viale Regina Margherita, sulla base di una segnalazione che segnalava tre uomini che colpivano ripetutamente con pugni e calci autovetture e contenitori della nettezza urbana. L’attenzione dei poliziotti veniva subito catturata dalla corsa di due giovani e un uomo anziano, che cercavano di raggiungere uno dei tre poiché, poco prima, aveva scippato il telefonino di un anziano. I poliziotti, vista la scena, partecipavano all’inseguimento del malvivente, il quale si presentava a torso nudo. Quest’ultimo, dopo aver sottratto il telefono alla povera vittima, lo aveva nascostosotto la sabbia all’altezza del Bagno 100. Uno dei due equipaggi della Polizia, con l’aiuto dei due giovani testimoni, veniva indirizzato verso il possibile nascondiglio, dove, dopo una ricerca minuziosa, veniva recuperato l’oggetto del furto.

Nel frattempo, l’altro equipaggio, raggiungeva il malvivente, bloccandolo tempestivamente a poca distanza dalla chiesa di Rivazzurra.

Il giovane si rifiutava di fornire documenti identificativi e per la necessità di riconoscimento veniva accompagnato negli uffici della Questura, venendo identificato per M.A., di origini senegalese, classe 1992, pluri-pregiudicato per svariati reati, la maggior parte dei quali contro il patrimonio. Il ventottenne, anche all’interno della locale Questura, assumeva una condotta irruenta. Tali circostanze hanno portato all’arresto del cittadino senegalese per furto con strappo, rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale e resistenza a P.U.

Nella mattinata odierna si è tenuta, presso gli uffici della Questura, in modalità videoconferenza, l’udienza di convalida dell’arresto, all’esito della quale lo straniero è stato associato presso la locale Casa Circondariale, in regime di custodia cautelare, in attesa del processo che si celebrerà il prossimo 13 luglio.