Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
Max 6° Martedì 19 Marzo 2019
Per info e segnalazioni: +39 0541/787471 -
Cultura 16:24 | 08/01/2019 - Rimini

Successo per Pinocchio, altre sorprese ad Augeo

Si è concluso con grande successo il lungo weekend dell’Epifania dedicato a Pinocchio l’evento che dal  5 al 13 gennaio 2019 unisce arte, cultura, musica cinema e teatro di danza in Augeo Art Space lo spazio di arte contemporanea in corso d’Augusto 217, nel cuore di Rimini.

Il burattino universale di Carlo Collodi, figura della memoria collettiva, personaggio di cui ciascuno di noi coltiva un ricordo unico ed esclusivo, si è materializzato in un grande evento scritto e ideato da Sergio Antolini, fondatore di Augeo, spazio di arte e cultura in Palazzo Spina, antica dimora nel cuore di Rimini.

GRANDE AFFLUENZA DI PUBBLICO PER L’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA AUGEO LEGGE PINOCCHIO DI SABATO 5 GENNAIO. In esposizione sette opere dell’ artista toscano Federico Santini. Opere uniche su supporti di legno, metallo, vetro e tela, una scultura, un presepe metropolitano. Arricchiscono la mostra venticinque disegni che narrano le vicende del burattino per mano degli alunni di seconda B della scuola elementare Margherita Zoebeli di Santa Giustina di Rimini. Hanno appassionato i visitatori, le balene di Lorenzo Durante, “Geppetto Millenian” realizzate con i “doni del mare”.  Taglio del nastro con tutto lo staff organizzativo e l’assessore Mattia Morolli. La mostra resterà aperta fino a domenica 13 gennaio. E’ a ingresso libero con i seguenti orari: dal martedì al sabato dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 - Domenica e festivi dalle 16 alle 19. Lunedi dalle 15 alle 18. Augeo Art Space corso d’Augusto 217 Rimini.

L’EPIFANIA AL CINEMA FULGOR HA REGISTRATO QUASI IL SOLD OUT Domenica mattina tantissimi bambini hanno affollato  la sala del cinema per la proiezione del grande classico di Walt Disney. Un’atmosfera molto toccante per il discorso di apertura di Sergio Antolini e di Stefano Vitali che hanno presentato “Amici di Augeo per La casa di Simone” . Il progetto, coordinato da Stefano Vitali della Papa Giovanni XXXIII per Condivisione fra i Popoli segna la partenza di “Amici di Augeo”. Una grande “squadra” per la raccolta fondi a favore della costruzione di una casa famiglia a Nairobi, luogo nevralgico per l’integrazione e la crescita dei bambini di strada.  L’incasso della proiezione è stato interamente devoluto per questa causa.

LUNEDÌ 7 GENNAIO AUGEO ART SPACE HA APERTO LE PORTE A CINQUANTA ALUNNI DELLE CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA MARGHERITA ZOEBELI. Guidati dall’artista Federico Santini hanno realizzato una grande tela. Il tema la strada, il decumano. Un percorso che unisce: i due grandi monumenti della città l’Arco d’Augusto e il Ponte di Tiberio (Augeo si trova su questo tragitto), la strada che si percorre per un grande progetto, quello per la casa di Simone. Il percorso di una vita per il prossimo di Don Benzi per la Papa Giovanni XXIII. La strada, il Film di Federico Fellini. Il cammino della vita di questi piccoli autori che hanno realizzato la tela che sarà donata ed esposta a Nairobi nella Casa di Simone.

DOMENICA 13 GENNAIO GRAN FINALE.  Augeo muta in un grande teatro virtuale. La musica è il secondo senso, dopo la vista, a equilibrare il percorso; è l’orchestra dell’associazione culturale Gan Eden con il maestro Karsten Braghittoni a intonare le note che rievocano l’amato burattino in un concerto straordinario coreografato magistralmente da Claudio Gasparotto con la partecipazione del Collettivo Movimento Centrale Danza &Teatro. Ingresso a invito.

Il lieto fine di questa meravigliosa favola è un arrivederci alla primavera con il secondo atto dedicato all’Odissea. In autunno poi, sarà la volta della grande avventura con “Ventimila leghe sotto i mari”.

Parte integrante del progetto, un esclusivo cofanetto, una grande opera d’arte che custodisce sette litografie delle opere di Santini in edizione numerata da uno a novantanove e un libro illustrato dai bambini, scritto a mano a opera d’arte da Concetta Ferrario, su testi di Sergio Antolini.