Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
Max 6° Martedì 19 Marzo 2019
Per info e segnalazioni: +39 0541/787471 -
Cronaca 10:26 | 14/03/2019 - Dall'Italia

La Petitti solidarizza con la Sarti dopo il servizio delle "Iene"

Continua a far discutere la vicenda della deputata riminese Giulia Sarti, ex presidente della commissione Giustizia della Camera M5s, nella polemica per la vicenda di alcuni rimborsi elettorali non restituiti dopo l'archiviazione dell'ex fidanzato Bogdan Tibusche da lei accusato dei mancati versamenti. Secondo quanto riferito alle 'Iene' da Tibusche nella casa della Sarti sarebbe stato installato un impianto di videosorveglianza. E  alcune di tali immagini starebbero circolando tra i mezzi d'informazione, secondo quanto ha detto ieri sera Lilli Gruber a Otto e mezzo.

Sulla vicenda interviene il Garante. 'Con riferimento a notizie relative alla possibile circolazione di immagini molto personali della deputata M5s Giulia Sarti, il Garante per la privacy richiama l'attenzione dei mezzi di informazione al rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e del codice deontologico dei giornalisti'. 'Tali regole - ricorda il Garante nella nota - impongono al giornalista di astenersi dal diffondere dati riguardanti la sfera intima di una persona per il solo fatto che si tratti di un personaggio noto o che eserciti funzioni pubbliche, richiedendo invece il pieno rispetto della sua vita privata quando le notizie o i dati non hanno rilievo sul suo ruolo e sulla sua vita pubblica'.

"Voglio esprimere la mia solidarietà all’onorevole Giulia Sarti - ha commentato l'assessore regionale Pd Emma Petitti - Il servizio mandato in onda ieri sera dalle ‘Iene’ è uno schiaffo al rispetto della vita privata di una persona, oltrepassa il limite della decenza. Quello che interessa, in tutta questa storia, sono le sue vicende politiche, la storia dei falsi rimborsi, della denuncia di facciata al suo ex fidanzato, non quello che appartiene e deve appartenere alla sua intimità. Questo sensazionalismo fine a se stesso, questa volontà di fare scandalo più che di informare hanno stancato. Il rispetto delle persone prima di tutto.".