Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
geronimo it la-spinelli-sullantenna-tutto-fermo-lavoro-a-una-soluzione-meno-impattante-A17346 002 Max 19° Martedì 29 Settembre 2020
geronimo it la-spinelli-sullantenna-tutto-fermo-lavoro-a-una-soluzione-meno-impattante-A17346 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 17:37 | 15/09/2020 - Coriano

La Spinelli sull'antenna: "Tutto fermo, lavoro a una soluzione meno impattante"

“Non c’è nessuna scadenza in vista per quello che riguarda l’antenna della Wind. Domani faremo un altro incontro con i gestori e ce ne saranno ancora. Sto lavorando per trovare una soluzione meno impattante e forse a qualcuno è sfuggito che i lavori nelle immediate vicinanze del Castello sono fermi da giorni come peraltro proposto e accettato oltreché dai gestori Wind anche dalla famiglia proprietaria del terreno. Solo per motivi di sicurezza si è arrivati al punto in cui si è oggi, ma nulla è deciso. Anzi, dico pubblicamente che tutte le soluzioni sono ancora percorribili e non c’è nulla di deciso”.

Mimma Spinelli (nella foto), sindaco di Coriano, torna a ribadire la sua linea di condotta e quella dell’amministrazione comunale che guida circa il caso che ha spinto alla formazione di un apposito Comitato e alla raccolta di firme.

“Non c’è giorno che passi senza che io mi interessi alla questione – dice – ai cittadini che hanno scelto il dialogo le informazioni sono costanti e chiare. A coloro invece che hanno scelto gli attacchi e la strumentalizzazione politica e che non leggono, non replico. Ho chiesto a due referenti del Comitato 15 giorni fa la possibilità di un incontro: uno mi ha detto che non era la persona giusta perché non ne faceva più parte, un altro di mandare una mail. Le porte in Comune sono sempre aperte. Comunque tranquillizzo tutti: i sopralluoghi continuano, le trattative non si sono mai interrotte. Non c’è nulla di deciso. La settimana scorsa mi hanno invitato a Roma e alla Camera dei deputati ho spiegato ai promotori dell’iniziativa (l’associazione No 5g, ndr) che i sindaci hanno le mani legate di fronte a situazioni del genere e lotterò con tutta me stessa a livello nazionale per cambiare le norme”.