Per info e segnalazioni:
geronimo it la-parma-sulla-rissa-al-parco-grazie-alle-forze-dellordine-inutile-e-dannoso-diffondere-video-e-immagini-A26845 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 09:43 | 20/09/2021 - Santarcangelo

La Parma sulla rissa al parco: "Grazie alle forze dell'ordine. Inutile e dannoso diffondere video e immagini"

La sindaca Alice Parma ha affidato ad un post sulla sua pagina facebook il commento personale ai fatti di sabato sera a Santarcangelo.

"Il mio ringraziamento - scrive - alle forze dell'ordine per il tempestivo intervento su una rissa tra ragazzi. Oltre a rammaricarci dell'accaduto ed attendere i dovuti accertamenti, noi amministratori dobbiamo continuare a portare avanti politiche giovanili e di sostegno all'adolescenza in grado di prevenire il ripetersi di simili situazioni. Più in generale invece, mi appello al buon senso di tutti affinché episodi di questo tipo non vengano strumentalizzati e non diventino oggetto di speculazione attraverso la diffusione di video e immagini: oltre che essere inutile, fa sicuramente più male che bene alla nostra città".

Due riflessioni. La prima. La sindaca parla di "sostegno all'adolescenza". Gli aggressori di sabato sera al parco Francolini, a detta dei testimoni presenti ed in attesa di conferme ufficiali da parte delle forze dell'ordine intervenute, erano tutti maggiorenni: violenti e pericolosi tanto che uno di loro ha palpeggiato una ragazzina mentre gli altri colpivano a cinghiate il gruppetto, quello sì, di adolescenti che non avevano altra colpa di aver detto no alla richiesta di una sigaretta.

La seconda. La diffusione di video ed immagini serve a denunciare, a rendere pubblico ciò che spesso viene tenuto nella riservatezza o addirittura viene negato con affermazioni del tipo "non esiste un problema sicurezza a Santarcangelo" oppure "si tratta di episodi isolati": parole più volte ripetute sia in Consiglio che in dichiarazioni rese ai media da esponenti della Giunta attraverso comunicati ufficiali o post sui social. 

Giusto, pertanto, perseguire "politiche giovanili" adatte al caso, ma anche giusto fare in modo che presunti "episodi isolati" non diventino la normalità. Censurando video o immagini il problema, almeno secondo noi, non si risolve.