Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
geronimo it schiaffoni-per-tutti-e-rapina-ragazzino-di-una-bici-da-2000-euro-A15548 002 Max 27° Venerdì 07 Agosto 2020
geronimo it schiaffoni-per-tutti-e-rapina-ragazzino-di-una-bici-da-2000-euro-A15548 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Cronaca 14:51 | 13/07/2020 - Rimini

Schiaffoni per tutti e rapina ragazzino di una bici da 2000 euro

La Polizia di Stato di Rimini, nella giornata di ieri, ha tratto in arresto un cittadino rumeno di 24 anni, resosi responsabile di rapina. Lo stesso è stato altresì denunciato in stato di libertà per lesioni personali.

La Volante, poco dopo la mezzanotte, è intervenuta in Viale Regina Margherita poiché era stato segnalato un giovane che si era impossessato di una bicicletta elettrica dopo aver usato violenza ai danni di un ragazzino. Subito individuato e bloccato dagli operatori, il giovane rapinatore risultava in evidente stato di alterazione dovuta all’abuso di alcool.

I poliziotti riuscivano a ricostruire la dinamica e ad accertare che tre ragazzi minorenni, amici, la sera di sabato avevano deciso di andare a mangiare un crepe insieme. Uno di loro, la vittima della rapina, era giunto a bordo della sua bicicletta elettrica, nuova fiammante, del valore di 2000 euro e l’aveva assicurata, mentre era a mangiare, ad un palo della pubblica illuminazione.

Poco dopo, sul trio di amici piombava il ragazzo rumeno che, senza fornire alcuna spiegazione, intimava loro, a suon di schiaffoni, di consegnargli la bici, riuscendo a sopraffare la timida resistenza dei tre ragazzini, tutti molto giovani.

Nemmeno l’intervento di un ragazzo più grande, che aveva assistito alla scena e che era intervenuto in aiuto dei minori, era riuscito a fermare il rapinatore: questi aveva picchiato anche lui e, alla fine, era riuscito ad allontanarsi con la bicicletta.

Il malvivente, un giovane di origine rumene, classe 1996, con già alle spalle diversi precedenti, nella mattinata odierna è stato sottoposto al rito direttissimo, all’esito del quale, in attesa dell’udienza, definitiva, il giudice ha disposto gli obblighi di firma quotidiani presso l’Ufficio di Polizia.