Per info e segnalazioni:
geronimo it il-covid-nel-pubblico-y-pi-cattivo-e-il-contagio-y-immediato-rispetto-che-nel-privato-A27043 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Opinioni 12:45 | 26/09/2021 - Riccione

"Il Covid nel pubblico è più cattivo e il contagio è immediato rispetto che nel privato?"

Da un genitore di Riccione, che chiede l'anonimato, ma che ha firmato quanto inviato riceviamo e pubblichiamo.

"Ho pensato di scrivervi per rendere nota una questione a dir poco ridicola e paradossale che sta avvenendo in tutti gli asili nidi comunali di Riccione ma credo di tutta la provincia di Rimini. 

Per accompagnare e ritirare il bambino viene chiesto il Green Pass. Solo per lasciarlo alla maestra, operazione che richiede al massimo 30 secondi, viene chiesto il Green Pass, se non ce l'hai non puoi entrare, e nemmeno il bambino, situazione veramente discriminatoria. Questa cosa non ha alcun senso, sia perché, munito di mascherina e con mani igienizzate è estremamente difficile diffondere il virus (allora va preteso il Green Pass anche per fare la spesa o per andare a messa la domenica, visto che sicuramente si incontreranno più persone e si sta sicuramente più tempo rispetto che accompagnare un bimbo al nido) sia perché è noto che anche un vaccinato munito di Green Pass può ammalarsi e trasmettere il virus comunque. Tutto questo quando poi per favorire il turismo si dà il permesso di soggiornare in hotel senza obbligo di Green Pass, mangiare tutti insieme in sala da pranzo, condividere spazi comuni ma senza nulla chiedere, ma per un passaggio di 30 secondi in un asilo si deve mostrare il Green Pass. 

Sì certo, il Green Pass, oltre che col vaccino, si ottiene anche col tampone, ma costa ogni volta 15 euro, vale 48 ore, quindi sarebbero 200 euro al mese per ogni persona, e in caso di emergenza, e di chiamata da parte dell'asilo perché il bimbo piange o sta male e quindi é da andare a prendere, se il genitore non ha il Green Pass, o il tampone è scaduto, non può andare a prendere il proprio figlio, e allo stesso modo terze persone delegate (es. nonni) dovrebbero essere costrette ad avere il Green Pass, o ad avere il tampone sempre valido, per ritirare il bambino. 

Assurdo e vergognoso, oltretutto nello stesso comune, siamo a conoscenza di almeno un asilo privato che applica la regola, assolutamente di buon senso, dei "15 minuti", quindi viene richiesto il Green Pass solo se si staziona all'interno della struttura scolastica per più di 15 minuti. 

Come mai nel nido pubblico non entri nemmeno per un secondo senza Green Pass (ripeto, in 30 secondi, con mascherina, le possibilità di un eventuale contagio sono sotto lo 0), mentre nel privato il Green Pass è richiesto dopo 15 minuti? Solite discriminazioni tra pubblico e privato? Il Covid nel pubblico è più cattivo e il contagio è immediato rispetto che nel privato?

Credo che l'amministrazione o chi ha preso queste decisioni dovrebbe ripensare a questa scelta, vorrei vedere se ritirassimo tutti i bambini dagli asili pubblici per mandarli ai privati cosa succederebbe, ma purtroppo non tutti hanno le possibilità economiche per poterlo fare".