Per info e segnalazioni:
geronimo it rurali-sempre-il-cuore-del-salento-A24483 003 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Opinioni 17:59 | 14/06/2021 - Rimini

#RURALI SEMPRE - Il cuore del Salento

Cinque anni a Veglie: conosco le vie, i vicoli e nel labirinto di strade e segnali spesso contraddittori, non è semplice, ma grazie a Dio siamo al Sud. Cinque estati e sempre in Giugno, quando le giornate sono più lunghe, e ti illudi che la pacchia non debba finire. Non è del mare superlativo e trasparente che voglio parlare, e neppure della spiaggia solitaria ed assolata, incorniciata dal mirto e dal ginepro. Se pensate al vino, siete sulla buona strada: Leone de Castris ha inventato il Rosè per gli ufficiali alleati che risalivano l’Italia. Ma il mio preferito, anche dalla Adele, è il Negroamaro declinato con la Malvasia e lo Syrah. Cerco bottiglie che non superino i 20 euro, in cantina dove mi piace conoscere il produttore e la sua storia. I fenomeni che scoprono l’acqua calda non mi interessano, e sapete bene che allo champagne preferisco le bolle italiane. Sulla cucina, nulla da commentare; che sia pesce, carne o il classico piatto di pasta, il Salento non teme confronti. Sui dolci non mi soffermo: il Pasticciotto leccese fa parte di me, senza rimpianti o lacrime di coccodrillo. Per l’anima, sono Cattolico, Apostolico, Romano e le Chiese barocche con le facciate calde di pietra locale ti invitano a pregare anche in vacanza. E allora perché il Salento, perché Veglie? Mi sono innamorato e gli amori alla mia età sono pericolosissimi. Ho prenotato fino al 2031, con l’opzione per i successivi 5 anni. Nuoterò nello Jonio finché il Signore mi vorrà in Paradiso, dove come diceva mio babbo Fafen de Forne, i Santini hanno posti riservati da sempre.

Rurali sempre

Enrico Santini