Per info e segnalazioni:
Per info e segnalazioni:
Max 13° Lunedì 09 Dicembre 2019
Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Economia 16:16 | 31/07/2019 - Rimini

La prima auto ad energia solare fa faville

Emilia 4 LT, la nuova versione della cruiser a 4 posti dell’Università di Bologna, che nel luglio 2019 ha vinto l’American Solar Challenge percorrendo 2.800 km dal Nebraska all’Oregon solo con energia solare, è stata presentata oggi ai Musei Ferrari di Maranello dal team Onda Solare che, con questo nuovo modello unico nel suo genere, affronterà una nuova sfida, ancora più ardua di quella “a stelle e strisce”: la World Solar Challenge (dal 13 al 20 ottobre 2019) lungo un percorso di 3.000 Km nel deserto australiano da Darwin ad Adelaide.

CMS Advanced Materials aveva già partecipato al progetto Onda Solare lo scorso anno, mettendo a disposizione del team i suoi più innovativi centri di lavoro per la creazione degli stampi che sono poi serviti alla realizzazione della carrozzeria in fibra di carbonio dell’auto solare. Ora, in occasione dell’ulteriore potenziamento di Emilia 4 LT, CMS conferma il suo supporto al progetto in linea con il forte impegno che da sempre investe in attività di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie ed applicazioni per la lavorazione dei materiali più innovativi e performanti. Tra questi, la fibra di carbonio è uno dei più interessanti garantendo, come nel caso di Emilia 4 LT, Il migliore compromesso tra minimo consumo energetico e massime prestazioni.

Sottolinea Lucio Giavazzi, Division Manager di CMS Advanced Materials: “Il sostegno all’Università di Bologna e al Team Onda Solare attraverso il nostro Centro di ricerca, ci consente di perfezionare sempre di più le nostre competenze e tecnologie, in particolare quelle legate allo sviluppo di un ambito in continua evoluzione come quello dei materiali compositi per i settori racing, automotive ed aeronautica. Le nostre tecnologie sviluppate nella sede produttiva di Zogno (Bergamo), sono oggi utilizzate da alcune delle più grandi case automobilistiche mondiali (fra le altre FCA, Toyota, BMW, Jaguar, Land Rover, la supercar messicana Vuhl ecc.) per la realizzazione di modelli di stile di alta precisione e per la realizzazione di componenti, nonché dai maggiori team di Formula1 per i modelli e le parti in fibra di carbonio per le monoposto. A queste soluzioni si affiancano quelle prodotte dall’americana DMS, con sede a Colorado Springs, acquisita dal Gruppo a fine 2018”.

Il Centro di ricerca industriale di CMS Advanced Materials (Scm Group) parteciperà anche al progetto Team Save insieme alla Regione Emilia Romagna e al CIRI Meccanica Avanzata e Materiali dell’Università di Bologna, con l’obiettivo di sviluppare materiali avanzati innovativi e soluzioni sempre più evolute per l’automotive. Questo progetto non solo porterà ad ulteriori evoluzioni dell’auto solare emiliana, ma contribuirà allo sviluppo di una  vera e propria filiera della motoristica regionale per veicoli elettrici leggeri, ecosostenibili e performanti. Allo studio c’è anche lo sviluppo di nuove tecnologie per il riciclo di materiale composito, finalizzato alla creazione di componenti specifiche di auto da corsa, come i sedili.

L’auto solare italiana a 4 posti Emilia 4 Long Tail Evolution 2019 viene riproposta con un nuovo design, frutto di un’ulteriore attività di ricerca e progettazione. La nuova versione della vettura è stata arricchita infatti di innovazioni e di proposte tecnologiche: dai materiali, con la predominanza di fibra di carbonio, alla meccanica, appositamente progettata e ottimizzata in ogni singolo dettaglio; dai due motori elettrici, uno su ogni ruota con l’elettronica di controllo, al pannello solare di 5 metri quadri. L’auto è stata messa così nelle condizioni di trasportare 4 persone alla velocità massima di 120 km orari, consumando meno di un phon: solo 1,2 Kw.